visite posturali - Podologia Bruno

Vai ai contenuti

Menu principale:


La POSTURA è l’adattamento personalizzato di ogni individuo all’ambiente fisico, psichico ed emotivo; in altre parole è il modo con cui reagiamo alla forza di gravità e con cui comunichiamo. Lo studio della postura viene svolto al fine di migliorare e di ridurre i compensi e adattamenti non funzionali per il nostro organismo. Si trova pertanto ad essere una scienza multidisciplinare che abbraccia numerose branche della medicina e della tecnica. Le sedute si svolgono in studio in forma individuale, su appuntamento, e sono della durata di circa un’ora.
Il primo incontro, della durata di un’ora e mezza, prevede un colloquio anamnestico seguito da un esame obiettivo e da un’analisi posturale con appositi test e strumentazione, con lo scopo di individuare il miglior approccio alle necessità del paziente, con visione di referti medici o strumentali, se realizzati.


La BAROPODOMETRIA è un esame strumentale che permette, tramite un’apparecchiatura denominata Baropodometro Elettronico, costituita da una pedana con una piattaforma, dove viene fatto salire il paziente, di valutare la qualità dell’appoggio a terra dei piedi. Decisamente all’avanguardia nello studio del piede si avvale di una sofisticata metodica di indagine, non invasiva, che consente di misurare la quantità di carico esercitata su ciascun punto di appoggio del piede, sia quando il paziente si trova in posizione completamente eretta, sia quando cammina. Le rilevazioni e le misurazioni effettuate con la morfologia plantare (piede disarmonico, cavo/piatto, varo/valgo) vengono stampate in forma chiara e comprensibile in immagini a colori con analisi computerizzata dei valori pressori in automatico confrontati ai parametriti di normalità. Il test analizzando il comportamento in fase di appoggio può dare indicazioni utili nella valutazione di molti squilibri che possono instaurarsi a carico delle ossa del piede, tibia, ginocchio, femore e rachide. Il controllo dell’appoggio del piede aiuta a prevenire complicazioni dell’apparato osteo-muscolare e l’insorgere di dolori alle articolazioni metatarsali o al calcagno in caso di instabilità.

 
Torna ai contenuti | Torna al menu